Gen 2, 2023
40 Views
Commenti disabilitati su Le Repubbliche Marinare
0 0

Le Repubbliche Marinare

Written by

Le Repubbliche Marinare furono città costiere uniche nel loro genere perché libere dalla giurisdizione del resto dello stivale e famose per le proprie attività navali. Stiamo parlando di Pisa, Amalfi, Genova e Venezia che tra il 10º e il XIII secolo si contesero la supremazia del mare in Italia e nelle coste vicine ad essa.

Repubbliche marinare: un termine dell’ottocento

Il termine Repubbliche Marinare nacque nell’ottocento quando si iniziarono a studiare i traffici navali che nel periodo medievale avevano interessato quattro famose città italiane.

A Pisa, Amalfi, Genova e Venezia vi furono infatti grandi smerci internazionali e vi attaccarono le flotte dei più importanti eserciti al mondo. Erano quattro città che durante il Medioevo trovarono il modo di farsi riconoscere per i loro commerci, ma soprattutto perché erano realtà particolarmente ospitali rispetto a quelle delle città vicine e lontane.

le repubbliche marinare

Oggi vediamo come nacquero e si resero indipendenti le repubbliche marinare

Il Medioevo infatti fu un periodo tetro in cui nessuno si sentiva al sicuro. Chi viveva in una di queste quattro città o aveva l’opportunità di soffermarvisi anche solo per qualche giorno per lavoro aveva modo di respirare una nuova aria.

Come funzionavano?

Vediamo adesso nello specifico come funzionavano da un punto di vista burocratico le Repubbliche Marinare. Sulla carta rappresentavano una variante a quella che era la civiltà comunale del Medioevo. Siccome coloro che governavano questi comuni erano mercanti ricchi ed intelligenti nacque l’idea di rendersi indipendenti rispetto alla giurisdizione dei comuni.

Vennero infatti coniate per tutte e quattro le città sopracitate monete d’oro ad hoc, ma soprattutto vennero brevettati nuovi sistemi di contabilità che incentivassero i progressi nella navigazione e le trattative con coloro che venivano da fuori.

Con il tempo Amalfi, Genova, Pisa e Venezia si resero indipendenti: completamente autonomi e dotate di proprie navi da guerra in modo da potersi proteggere e poter decidere di entrare nei business militari, uno tra tutti le Crociate.

Amalfi

La prima delle repubbliche marinare di cui parleremo è Amalfi. Famosa per le sue coste a picco sul Mediterraneo questa città vide il governo di alcuni influenti mercanti che riuscirono a sottrarre agli arabi il monopolio del commercio nel Mar Mediterraneo.

le repubbliche marinare Amalfi

Ecco uno scorcio di Amalfi oggi

Siamo nel X secolo ed ecco che vengono fondate alcune delle prime basi mercantili dell’Italia meridionale. Tali basi hanno basi gemelle in Africa e in Medio Oriente, in particolare in Turchia, Siria ed Egitto. In questo periodo vengono istituite le Tavole Amalfitane, ovvero il primo codice di diritto marittimo della storia.

Nonostante questa lungimiranza e potenza la Repubblica marinara di Amalfi durò poco. Infatti, nel 1076 I normanni saccheggiarono la città venendo da Pisa, altra Repubblica marinara che cessò di esistere però durante i primi anni dell’XI secolo.

Pisa

Possiamo ora parlare di Pisa, che fu una delle repubbliche marinare più influenti da un punto di vista culturale. Purtroppo ebbe da combattere contro i musulmani per un lunghissimo tempo. Gli stranieri avevano dalla loro parte la geografia: provenivano infatti dalla Sardegna e dalla Corsica vicine in cui avevano degli insediamenti importanti.

le repubbliche marinare pisa

Uno scorcio del simbolo di Pisa: la sua torre pendente

Per questo motivo il Tirreno non fu a lungo dominio imposto di Pisa, che aveva oltre che i Mori da combattere anche i genovesi. Infatti anche se un tempo le due repubbliche si erano alleate contro i musulmani durante la battaglia di me Loria del 1284 Pisa venne ufficialmente sconfitta.

Repubbliche marinare rimaste: Genova e Venezia

Concludiamo ora la nostra descrizione delle repubbliche marinare parlandovi di Genova e Venezia. La prima è definita anche la terza Repubblica marinara, perché dal X secolo si distinse dalle altre per la Campagna Communis.

Infatti è proprio qui che nasce la prima vera grande associazione di mercanti e marinai che oltre a governare ed amministrare i beni del Comune di Genova diventerà anche la promotrice della battaglia contro Pisa per controllare il Mar Tirreno e il Mediterraneo occidentale.

Purtroppo la rivalità con la nostra quarta Repubblica marinara (Venezia) determinerà la sua fine. Dopo 200 anni di dure battaglie alla fine Genova fu costretta a riconoscere la supremazia di Venezia che rimase a tutti gli effetti l’ultima delle repubbliche marinare.

Venezia infatti fu la più longeva delle quattro città perché le sue origini risalgono al V secolo e la sua fine è l’ultima avvenire rispetto a quella delle altre tre città. Venezia sfugge alle invasioni barbariche e vede la sua prima grande crescita durante il dominio bizantino, dove nasce anche l’aristocrazia veneziana che raggiunse il potere e si egemonizzato in un governo oligarchico piuttosto duraturo.

Article Categories:
Storia

Comments are closed.