Mag 28, 2024
57 Views
Commenti disabilitati su Il neolitico
0 0

Il neolitico

Written by

L’età della pietra si divide in tre periodi: paleolitico, mesolitico e neolitico. Mentre il paleolitico fu un periodo più lungo, il mesolitico e il neolitico furono sostanzialmente più brevi, ma molto importanti per l’evoluzione dell’essere umano.

Il mesolitico

Il mesolitico è considerato solamente un periodo di transazione tra il lungo periodo del paleolitico e il grande cambiamento avvenuto nel neolitico.

Questo periodo va dalla fine dell’ultima glaciazione, 11.500 anni fa circa, a circa 8.000 anni fa.

Si tratta di un periodo caratterizzato principalmente dal cambiamento di clima. I ghiacciai si ritirano e tutta l’Europa è caratterizzata da un clima temperato e da un graduale innalzamento del livello del mare.

Il paesaggio cambiò drasticamente: si svilupparono nuove specie di piante, i continenti si ricoprirono di foreste, si diffusero alberi, cereali e legumi.

Il neolitico

Il neolitico è un periodo di grande cambiamento e va da 8.000 anni fa circa a 4.000 anni fa circa. Questo periodo viene definito l’età della pietra nuova.

Neolitico

Neolitico

Questo periodo è caratterizzato da grandi innovazioni e cambiamenti, primo fra tutti l’introduzione della litotecnica.

Un’altra grande rivoluzione è data dall’agricoltura e dall’allevamento. Gli uomini passarono dall’essere raccoglitori e cacciatori all’essere coltivatori e allevatori. Ciò portò a un ulteriore cambiamento: gli esseri umani passarono dall’essere nomadi all’essere sedentari.

Agricoltura e allevamento

L’agricoltura e l’allevamento si diffusero in tutti gli insediamenti umani, a partire dalle zone fertili del Medio Oriente, in Mesopotamia. Più lentamente si diffusero anche in Europa, Asia e America.

I prodotti coltivati erano i cereali, come grano e frumento, i legumi, come fave e lenticchie, le fibre tessili, come cotone e lino.

I primi animali allevati, invece, furono capre e pecore, seguite da maiali e mucche.

Il villaggio nel neolitico

Con il passaggio dalla vita nomade a quella stabile e con la nascita dell’agricoltura e dell’allevamento, gli esseri umani iniziarono a raggrupparsi in villaggi.

Neolitico

Neolitico

I primi villaggi sorsero dove la terra era fertile e dove c’era molta acqua, in modo da poter irrigare i campi e dare da bere e da mangiare agli animali.

I villaggi sorgevano sulle rive di laghi e fiumi ed erano circondati da palizzate in legno, per difendersi dagli animali selvaggi e dagli eventuali attacchi delle altre tribù.

Le capanne erano abbastanza grandi e spaziose, in modo da poter ospitare fino a 10 persone, ed erano fatte di paglia e fango.

Le tribù erano come una grande famiglia e le decisioni venivano prese dai capi, i quali erano solitamente le persone più anziane. Ognuno aveva il suo compito nel villaggio.

Artigianato

La vita nel villaggio era più semplice e alcuni uomini potevano dedicarsi ad altre attività che non fossero il procurarsi del cibo.

Nacque quindi l’artigianato. Alcuni uomini del villaggio si specializzarono nell’intrecciare cesti, nel fabbricare armi e utensili e nel modellare l’argilla.

Nacque anche la tessitura, giacché gli uomini impararono a intrecciare le fibre per realizzare indumenti. Le fibre utilizzate erano il lino e la canapa. Gli uomini impararono anche a realizzare i tessuti utilizzando la lana delle pecore e delle capre.

Il commercio nel neolitico

Ognuno al villaggio aveva il suo compito, c’era chi si dedicava all’agricoltura e all’allevamento e chi all’artigianato. C’erano ancora cacciatori, raccoglitori e pescatori, che si procuravano cibo al di fuori del villaggio e lo riportavano alla tribù.

In questo contesto si sviluppò una prima forma di commercio: il baratto. Inizialmente gli scambi avvenivano solamente tra i membri della stessa tribù, ma successivamente esso si espanse anche ai villaggi vicini.

Nacque così anche una nuova figura: il mercante, il cui compito era portare la merce ai villaggi vicini e barattare con loro.

Article Tags:
·
Article Categories:
Storia

Comments are closed.