Giu 21, 2023
232 Views
Commenti disabilitati su L’aggettivo
0 0

L’aggettivo

Written by

L’aggettivo è una parte variabile del discorso, che viene aggiunta al nome per indicarne una qualità. Essi concordano per genere e numero con il nome.

Classificazione

Gli aggettivi si dividono in:

  • Qualificativi.
  • Determinativi.

Gli aggettivi determinativi si dividono a loro volta in:

  • Possessivi.
  • Dimostrativi.
  • Indefiniti.
  • Numerali.
  • Interrogativi.
  • Esclamativi.

Aggettivi qualificativi

L’aggettivo qualificativo specifica una caratteristica o una qualità del nome. Riguardano l’aspetto, la forma, il colore, le dimensioni, le doti, gli stati d’animo, ecc.

Aggettivo

Aggettivo

Gli aggettivi qualificativi possono avere funzione descrittiva o distintiva. Solitamente quando esso precede il nome ha funzione descrittiva, mentre quando lo segue ha valore restrittivo, ovvero gli attribuisce caratteristiche piuttosto importanti.

Es: un alto magistrato (importante) – un magistrato alto (di statura)

Un vecchio amico (di vecchia data) – un amico vecchio (d’età).

Aggettivi determinativi

L’aggettivo determinativo, invece, precisa alcuni aspetti legati al nome, questi possono essere la posizione nello spazio, l’appartenenza, il numero, ecc.

Gli aggettivi determinativi si dividono in sei sottocategorie.

Aggettivo possessivo

Gli aggettivi possessivi specificano a chi appartiene la persona, l’animale o la cosa a cui si riferisce il nome. Essi concordano con genere, numero e persona del nome.

  • 1° persona singolare: mio, mia, miei, mie.
  • 2° persona singolare: tuo, tua, tuoi, tue.
  • 3° persona singolare: suo, sua, suoi, sue.
  • 1° persona plurale: nostro, nostra, nostri, nostre.
  • 2° persona plurale: vostro, vostra, vostri, vostre.
  • 3° persona plurale: loro.

Es: il suo quaderno, la loro automobile, il mio vestito, tua sorella, il nostro cane.

Esistono anche altri due aggettivi possessivi:

  • Proprio, propria, propri e proprie: equivale al suo, sua, suoi, sue, ovvero la 3° persona singolare (Andrea ha con visto con Marco un film a casa propria (di Andrea).
  • Altrui: significa degli altri (Non toccare le cose altrui (degli altri).

Aggettivo dimostrativo

Gli aggettivi dimostrativi specificano la posizione e il tempo del nome. Essi sono:

  • Singolare maschile: questo, quest’, codesto, quello, quel, quell’.
  • Singolare femminile: questa, quest’, codesta, quella, quell’.
  • Plurale maschile: questi, codesti, quei, quegli.
  • Plurale femminile: queste, codeste, quelle.

Quando specificano la posizione del nome nello spazio: questa penna (vicino a me), quel quaderno (lontano da me).

Quando specificano il tempo del nome: questa mattina (vicina), quell’anno (lontano).

Esistono altri aggettivi dimostrativi e sono stesso, medesimo e tale (abbiamo la stessa macchina, siamo nati il medesimo giorno, a una tale domanda non trovo risposta).

Aggettivi indefiniti

Gli aggettivi indefiniti indicano una quantità imprecisata o una qualità generica.

Gli aggettivi indefiniti sono tanti, i più utilizzati sono: ogni, qualche, qualunque, qualsiasi, qualsivoglia, ciascuno, nessuno, alcuno, taluno, certo, altro, molto, parecchio, tanto, poco, vario, ecc.

Es: Ho molti compiti da fare, Non ho nessun problema, ho poco tempo a disposizione.

Aggettivo numerale

Gli aggettivi numerali si possono scrivere in cifre (sono nato il 25 aprile) o in lettere (ho cinque caramelle). In alcuni casi si utilizzano i numeri romani. È obbligatorio nel caso dei secoli, millenni, dei sovrani e dei papi.

Aggettivo

Numeri romani

Gli aggettivi numerali si dividono in:

  • Cardinali: sono invariabili e sono i numeri (uno, due, tre, quattro… cento, ecc.). Gli unici che fanno eccezione sono uno, che può variare in una, un, un’, e mille, che al plurale diventa mila.
  • Ordinali: sono primo, secondo, decimo, ecc. (il primo figlio, la decima pagina). Si possono scrivere anche usando i numeri romani.
  • Moltiplicatori: indicano quante volte una quantità è maggiore di un’altra (doppio, triplo, quadruplo, ecc.).
  • Frazionari: indicano una frazione di una cosa intera (mezzo, un terzo, un quinto, ecc.).
  • Distribuitivi: indicano come sono distribuite le persone, gli animali o le cose nello spazio o nel tempo (uno alla volta, uno ciascuno).
  • Collettivi: indicano un insieme di cose, persone o animali (una coppia, una decina, un centinaio).

Aggettivo interrogativo ed esclamativi

Essi sono: quanto, che e quale.

Gli aggettivi interrogativi sono usati per introdurre delle domande sulla quantità, qualità o identità del nome.

Es: Quanti km mancano?

Gli aggettivi esclamativi sono usati per introdurre delle esclamazioni sulla quantità, qualità o identità del nome.

Es: Che bella maglietta!

Article Categories:
Letteratura

Comments are closed.