Gen 5, 2023
20 Views
Commenti disabilitati su La nascita di Roma
0 0

La nascita di Roma

Written by

Sapete come è nata Roma, capitale della nostra bella Italia? Una grande città cosmopolita, ricca di storia antica, artistica, architettonica e culturale che da sempre influenza gli altri paesi nel mondo. Oggi vediamo come stata fondata e la sua leggenda relativamente alla nascita della grande città eterna.

La nascita di Roma

Roma nasce istituzionalmente il 21 aprile del 753 a.C. questa data ci è stata tralasciata dal letterato latino Varrone che effettuò dei calcoli specifici insieme all’astrologo latino Lucio Taruzio.

Varrone era un grande conoscitore della storia greca. Per anni aveva studiato i testi antichi e aveva ritrovato parte delle leggende narrate relativamente alla fondazione della città eterna proprio all’interno di quei testi. Era chiaro che ci fosse un collegamento tra la storia dell’Ellade e quella latina.

la nascita di roma Tito Livio

Com’è nata la città eterna? Secondo i testi antichi di Varrone e Tito Livio tutto è iniziato con la stirpe del semidio greco Enea in fuga da Atene

Forse proprio da queste idee di Varrone nascono poi i complessi racconti mitologici riguardanti le origini della città e dello Stato di Roma. Il racconto di come è nata la grande città del Colosseo a noi contemporanei giunge dai grandi della letteratura latina: Tito Livio, Dionigi di Alicarnasso e Plutarco.

Non solo. Roma nasce anche grazie al racconto delle opere poetiche di Virgilio e Ovidio. Nei prossimi paragrafi vedremo la leggenda che si nasconde dietro alla fondazione della più forte città e civiltà antica del mondo.

La leggenda

Come molti sanno, la leggenda narra che Roma sia nata per opera di Romolo. Quest’ultimo era uno dei discendenti della stirpe reale di Alba longa creata da Ascanio, figlio di Creusa e del semidio troiano Enea.

In molti conoscono anche la storia della lupa che allatta i due gemelli destinati a contendersi il dominio dei colli romani. Infatti, Romolo aveva un gemello di nome Remo. Romolo e Remo erano niente di meno che figli del Dio Marte e della vestale rea Silvia, discendente al trono di Alba longa.

la nascita di roma leggenda

La leggenda di Romolo e Remo è una delle più affascinanti storie del nostro paese

Purtroppo Silvia è costretta ad abbandonare i due bambini sulla riva del Tevere per evitare che il padre di lei, il re Amulio, li uccidesse. Purtroppo il re di Alba longa non era affatto felice del concepimento della figlia con il Dio della guerra, pertanto voleva disfarsi del prodotto dell’oro amore.

Silvia però non cede e lascia i due bambini al fato. La cesta con i due gemelli viene trascinata dalla corrente fino alla palude del Velabro, situata tra il Palatino e il Campidoglio. Lì i due bambini vengono ritrovati allattati da una lupa che li protegge e li rende invincibili addestrandoli alla sopravvivenza.

Come nasce Roma?

A questo punto, come noto, i due bambini crescono e fanno ritorno ad Alba longa dove uccidono il nonno e rimettono sul trono il suo predecessore: il bisnonno Numitore. Aldilà dei fatti in stile Beautiful che accaddero poi dopo Romolo e Remo decidono di non abitare più ad Alba longa perché non potevano essere entrambi re.

la nascita di roma tevere

Roma nasce sui colli, ma tutto parte dal ritrovamento dei due gemelli Romolo e Remo sulle sponde del fiume Tevere, parte integrante della grande città

Romolo vuole fondare una nuova città ed edificarla sul Palatino. Remo vuole invece creare una roccaforte a sua immagine somiglianza sull’Aventino.

I sostenitori dell’uno e dell’altro li portano ad una guerra per la supremazia che terminerà con la vittoria di Romolo sul Remo che fonderà finalmente Roma sul colle Palatino.

Article Categories:
Storia

Comments are closed.