Feb 28, 2023
1131 Views
Commenti disabilitati su La Divina Commedia: il Paradiso
0 0

La Divina Commedia: il Paradiso

Written by

La Divina Commedia è l’opera più importante scritta in lingua italiana. Fu scritta da Dante Alighieri nei primi anni del 1300 ed è considerata un caposaldo della letteratura mondiale. È divisa in tre cantiche: Inferno, Purgatorio e Paradiso. Oggi esaminiamo il Paradiso.

La transumazione di Dante

Dante ha attraversato l’Inferno e il Purgatorio sotto la guida di Virgilio, che spiegava lui il regno dell’Aldilà. Tuttavia, arrivati in cima alla montagna, Virgilio non può proseguire il suo viaggio insieme a Dante.

Il Paradiso

Il Paradiso

Nel Paradiso risiedono le anime pure, di coloro che hanno sempre vissuto sotto la retta via. Ad accompagnare Dante attraverso l’ultima cantica della Divina Commedia sarà Beatrice. Insieme a lei Dante attraversa il processo della transumazione che gli consentirà di lasciare il regno terreno e ascendere nei cieli del Paradiso.

Il terzo regno è completamente diverso dai due precedenti. L’Inferno e il Purgatorio erano strettamente legati al mondo terreno, tant’è che è da esso che vi si poteva accedere.

Ma per accedere al regno dei cieli bisogna passare attraverso un processo di transumazione. Dante dice che è molto difficile descrivere a parole quello che vede in Paradiso. Questo è un regno fatto di aria e luce. Qui tutto è eterno ed etereo ed ogni elemento è puramente spirituale.

Composizione del Paradiso

Il Paradiso dantesco è diviso dal mondo terreno da quella che Dante definisce una sfera di fuoco. Al di là di essa ruotano nove cieli. Dante immagina la Terra al centro con i nove cieli che ruotano intorno e un ultimo cielo, il decimo, che è immobile e si estende all’infinito nell’universo. È lì che risiede Dio e tutte le anime beate.

Si tratta di un luogo molto diverso da quello che abbiamo conosciuto nell’Inferno e nel Purgatorio. Un luogo di difficile comprensione umana.

I cieli sono composti di una sostanza detta etere, una sostanza molto simile all’aria. I cieli ruotano intorno alla Terra e muovendosi brillano ed emettono suoni soavi. Il loro movimento influenza la Terra e tutto ciò che succede su di essa.

I primi sette cieli del Paradiso

I cieli sono nove, ogni cielo è dominato da un corpo celeste del Sistema Solare. Sebbene ogni cielo ha i suoi personaggi, nel Paradiso, a differenza degli altri mondi dell’Aldilà, le anime non sono confinate in un solo luogo, ma sono libera di muoversi liberamente. Nei primi sette cieli ci sono i sette gruppi di anime beate, disposte secondo le proprie virtù. Tuttavia, ogni cielo è aperto e le anime hanno libero accesso in ogni sezione del Paradiso.

Il Paradiso

Il Paradiso

  • I Cielo (Luna): qui risiedono le anime degli spiriti inadempienti. Queste anime non hanno mai peccato, ma in vita decisero di non adempiere ai voti di Dio. Essi hanno comunque meritato un posto in Paradiso.
  • II Cielo (Mercurio): qui troviamo gli spiriti attivi, i quali operarono il bene ma lo fecero per la gloria e la fama terrena.
  • III Cielo (Venere): qui risiedono le anime degli spiriti amanti, ovvero quelle anime che vissero amando.
  • IV Cielo (Sole): qui troviamo gli spiriti sapienti, coloro che vissero sapienti e i Dottori della Chiesa.
  • V Cielo (Marte): qui risiedono le anime degli spiriti combattenti per la fede, o spiriti militanti, sono coloro che combatterono e morirono per la fede. Non a caso è il cielo di Marte, Dio della Guerra.
  • VI Cielo (Giove): è il cielo degli spiriti giusti, coloro che vissero con principi saggi e giusti. In questo cielo compare la scritta “Amate la giustizia voi che giudicate il mondo”.
  • VII Cielo (Saturno): qui risiedono le anime degli spiriti contemplanti, il cui principio è la meditazione e sono coloro che dedicarono la loro vita alla contemplazione.

Gli ultimi tre cieli del Paradiso

I cieli dove risiedono le anime dei beati finiscono con il settimo. Tuttavia, il Paradiso non è ancora finito.

  • VIII Cielo: è il cielo delle stelle fisse, qui si trovano le anime trionfanti, che fanno piovere la luce di Dio.
  • IX Cielo: è il primo cielo mobile, perché è appunto il primo a muoversi. Esso riceve il movimento da Dio e trasmette il movimento a tutti i cieli sottostanti.
  • Empireo: infine, c’è l’Empireo, dove risiede Dio, circondato dagli Angeli e dalle anime dei Beati.
Article Tags:
· ·
Article Categories:
Letteratura

Comments are closed.