Mag 4, 2022
169 Views
Commenti disabilitati su Apparato Muscolo-Scheletrico
0 0

Apparato Muscolo-Scheletrico

Written by

Apparato muscolo-scheletrico: un breve riassunto con le cose basilari da sapere quando si parla di movimento, muscoli e ossa. Pronto a scoprire insieme a noi cosa c’è da sapere? Partiamo!

Introduzione all’apparato muscolo-scheletrico

Oggi parliamo di quell’insieme di strutture ossee, articolari e muscolari che è l’apparato muscolo-scheletrico. In sostanza è l’apparato dedito al sostegno e alla difesa del nostro organismo che consente all’uomo di muoversi.

Strutturalmente è l’apparato più esteso e voluminoso del nostro corpo. Non a caso rappresenta l’80% del nostro peso totale. È costituito dall’insieme di ossa, articolazioni e muscoli che danno vita ai movimenti corporei dell’essere umano, quindi l’apparato che ci permette di crescere e difenderci in caso di caduta o attacco.

In pratica di cosa si tratta?

Lo abbiamo detto: l’apparato muscolo-scheletrico è l’insieme di ossa, muscoli e articolazioni. La loro sinergia permette il sostegno dell’organismo umano, i movimenti nello spazio, ma soprattutto ha anche funzione protettiva dagli agenti esterni e degli organi interni.

Partiamo appunto dalle ossa che sono le “responsabili” di questa funzione protettiva. Le ossa nascono tutte con una forma specifica, specializzata per una funzione e legata ad un tessuto connettivo di sostegno.

apparato muscolo scheletrico che cos'è

Cos’è l’apparato muscolo-scheletrico? Lo scopriamo in questo articolo dove parliamo anche di ossa, muscoli e articolazioni.

Tale tessuto è mineralizzato in modo da essere estremamente duro – quindi di difficile rottura – ed estremamente resistente da un punto di vista meccanico.

In base alla forma si distinguono le ossa lunghe da quelle corte e piatte. Ci sono poi anche delle ossa dette irregolari. Un esempio della loro funzione protettiva sono le costole: esse vanno a permettere il movimento dello sterno, proteggendo gli organi interni.

Apparato muscolo-scheletrico: le articolazioni

Parliamo ora dell’articolazioni, ovvero un insieme di elementi specifici che regolano la connessione tra 2 o più superfici ossee.

Nell’apparato muscolo-scheletrico se ne distinguono 3 tipi: mobili, semimobili e fisse. Come le riconosciamo? Semplice! Dalla forma dei capi ossei che le costituiscono. Abbiamo infatti capi ossei mobili come nel caso dell’articolazione del ginocchio e del gomito, e capi semimobili come nel caso dell’articolazione della colonna vertebrale a cui sono permessi infatti tanti micromovimenti.

apparato muscolo scheletrico articolazione del ginocchio

L’articolazione del ginocchio è una delle più importanti di tutto l’apparato muscolo-scheletrico.

Un esempio di articolazione fissa invece è quella delle ossa del cranio o del bacino. Mentre in questo caso si parla di sinartrosi, se si parla di articolazioni mobili si è soliti chiamarle diartrosi. Le articolazioni semimobili invece vengono definite anche anfiartrosi.

In ogni caso, il tessuto di cui sono fatte tutte le articolazioni è un mix di tessuto fibroso e/o cartilagineo, capsule, membrane, ma soprattutto legamenti.

Concludiamo con i muscoli

Infine, parliamo dei muscoli. Sono tessuti composti da fibre molto particolari – le fibre muscolari, appunto – che hanno la capacità di contrarsi.

Esistono due tipi di muscolatura nell’apparato muscolo-scheletrico: quella striata rossa (detta anche volontaria) e quella liscia bianca, che è invece involontaria.

La prima è regolata dalla volontà del soggetto al movimento. La seconda invece ha un’attività contrattile autonoma ed indipendente.

C’è poi un muscolo che è a parte. Stiamo parlando del muscolo cardiaco, o miocardio, che ha delle proprietà tutte sue, uniche nel suo genere. Infatti, sebbene si presenti come un muscolo con caratteristiche istologiche simili ai muscolo volontari, ha in realtà un’attività propria, come quelli involontari.

La funzione dell’apparato muscolo-scheletrico

Le funzioni principali dell’apparato muscolo-scheletrico le abbiamo più o meno viste nel corso del nostro articolo. Ad ogni modo, ci sembrava giusto concludere elencandole come di seguito in modo da fornirvi uno schema utile allo studio di questa parte del corpo.

Le funzioni di questo apparato sono:

  • Sostegno della struttura corporea
  • Difesa dagli agenti esterni e dagli urti
  • Consentire il movimento nello spazio

Per mantenere questo apparato in forma – così come tutto il nostro corpo in generale – vi consigliamo di fare tanto sport e seguire una dieta bilanciata, adeguata alle vostre esigenze.

 

Article Categories:
Scienza

Comments are closed.